La Fiom sulla Cigo

Non convince al sindacato la cassa integrazione di Melfi

La Fiom Cgil di Basilicata ha chiesto un incontro urgente con la direzione aziendale Fca Sata di San Nicola dopo l’annuncio della cassa integrazione per gli operai di Melfi. Il comparto metalmeccanico della Cgil vuole vederci chiaro alla luce di un provvedimento che questa volta non riguarderà solo i dipendenti al lavoro sulla linea produttiva della Grande Punto, ormai inesorabilmente giunta a fine ciclo, bensì le maestranze di Jeep Renegade e Fiat 500X che sul mercato hanno grande appeal. L’ammortizzatore sociale è sempre un segnale negativo e la Fiom lucana non intende lasciare campo libero alla Fca che, sostiene il segretario Roberto D’Andrea, mostra poca propensione al dialogo ed alla concertazione. Tutti motivi per cui la Triplice chiede un confronto serio e che contempli le esigenze delle tute blu, la parte più debole sul tavolo della concertazione. Le centinaia di Jeep Renegade e Fiat 500 X sui piazzali della Sata non rappresentano un buon segnale. La crisi non è dietro l’angolo ma è bene lavorare per scongiurarla il più a lungo possibile. Vigilare !