Allarme di De Nicola su indotto Fca

Il segretario NIdiL preoccupato per il futuro occupazionale degli operai di Melfi

Il neo eletto segretario NIdiL Cgil, Emanuele De Nicola è convinto che il nuovo piano industriale di Marchionne, ormai prossimo alla presentazione, creerà grossi problemi ai lavoratori dell’indotto della zona industriale di San Nicola di Melfi. Se i volumi produttivi dovessero scendere, rispetto all’impennata del periodo di lancio Jeep Renegade e Fiat 500, centinaia di lavoratori con contratto a tempo determinato potrebbero chiudere la propria esperienza da matalmeccanici. Proprio ciò che NIdiL Cgil di Basilicata intende evitare con politiche di maggiore tutela per tutte queste moderne e inedite figure professionali: le nuove identità di lavoro, appunto. Non sarà facile stabilizzare oltre mille operai. Si annuncia un’estate rovente non solo dal punto di vista climatico. Tensioni!