Giuseppe Festino in arte “Fenice”

Il pittore melfitano alla ribalta della cronaca artistica nazionale

Anche il noto critico di arte, Vittorio Sgarbi si è accorto della bravura di Giuseppe Festino. L’artista nato a Melfi nel 1983 è arrivato alla pittura da autodidatta. Sgarbi ha recensito Festino descrivendolo come un artista dal sicuro talento. Giuseppe Festino, in arte “Fenice’ ha sviluppato la sua ricerca artistica partendo dall’utilizzo di pastelli a cera, sovrapponendoli per poi graffiarli. Successivamente ha trasferito la tecnica acquisita su tela utilizzando solamente colori acrilici dalle tinte forti, intense e contrastanti o adoperando pochi colori caldi. Festino predilige dipingere quadri di donne, cogliendone la loro dimensione psicologica e spirituale. Le sue opere sono state esposte in diverse mostre, musei, gallerie e concorsi internazionali come: “Italian Vanity Art Exhibition” presso la Gallery of Light di Dubai; “Bienal de Arte Barcelona” presso il MEAM di Barcellona; Art Shopping Carrousel du Louvre di Parigi; Sofitel Washington DC Lafayette di Washington; Jolly Madison Towers di New York; Palais Sternberg di Vienna; “MeArt – Biennale Internazionale del Mediterraneo” di Palermo; Milano Art Gallery; Palazzo Brancaccio e Le Sale del Bramante di Roma; Palazzo Ximènes-Panciatichi di Firenze; il Museo della Bussola e del Ducato Marinaro di Amalfi; Il Melograno Art Gallery di Livorno; Porta Coeli International Art Gallery di Venosa; la Rocca dei Rettori di Benevento; Palazzo Loffredo e Museo Archeologico di Potenza. Oltre la prestigiosa recensione di Sgarbi, Giuseppe Festino figura in importanti cataloghi e riviste d’arte con recensioni di Paolo Levi, Serena Carlino, Massimiliano Porro, Fulvia Minetti e Antonio Castellana. Eccellenza melfitana!