D’Angola sul punto nascita

Il direttore sanitario del San Giovanni di Dio sul nuovo “punto nascita”

Il direttore sanitario dell’ospedale, San Giovanni di Dio di Melfi, Luigi D’Angola parla del nuovo reparto di ginecologia che avrà motivo di esistere se il punto nascita, recentemente inaugurato per la terza (!) volta, arriverà a 500 parti in un anno. Il numero minimo è stato indicato da una normativa legislativa in materia sanitaria che mira a tutelare la salute e soprattutto la sicurezza delle partorienti e dei nascituri. Ovvio che resta assolutamente preferibile affidarsi alle cure di medici che facciano nascere mille bambini in un anno piuttosto che a colleghi con trenta parti di esperienza in carriera!  Ecco perché oggi che un nuovo reparto, dotato di tutti i confort stabiliti per un ospedale, è finalmente entrato in funzione occorre lanciare messaggi positivi. Lo fa il direttore sanitario D’Angola che apre anche alla possibilità di introdurre a Melfi il cosiddetto “parto indolore”, proprio nell’ottica del rilancio e di una buona promozione del nosocomio di via Foggia. Ne va del futuro del reparro di ginecologia e neonatologia dell’ospedale San Giovanni di Dio. Fiducia!