Fenice: La battaglia continua

Fenice: La battaglia continua

Lunedì 25 novembre al comune di Melfi, si terrà una assemblea pubblica partecipata. Tema inceneritore Rendina Ambiente ( ex Fenice), Il tema resta sempre caldo e di stretta attualità anche alla luce della sentenza della Corte Costituzionale che non ha minimamente tenuto presente la legge regionale che ne imponeva la chiusura. Ora bisogna discutere il rilascio della nuova autorizzazione ed il comune di Melfi, che è parte in causa insieme ai centri limitrofi,a  Provincia, Arpab ed ovviamente Regione, ha deciso di coinvolgere i cittadini e l’intera comunità, prima di emettere il proprio parere. Una mossa giusta ed intelligente, con la maggioranza che governa la città che con una delibera del 2017, ha voluto istituire un meccanismo finalizzato al coinvolgimento complessivo, evitando di assumere una decisione così importante su un tema assai delicato, nel chiuso della stanza regionale. Una innovazione che non ha precedenti nella nostra regione, con il comune di Melfi che ha introdotto questo processo al fine di rendere trasparenti i processi decisionali, con particolare attenzione a quelli che influiscono sull’ambiente. ” Una scelta politica, una scelta di campo, ha rimarcato il sindaco di Melfi, Livio Valvano, che identifica la nostra azione di governo, non contro qualcuno, ma per il bene comune. Uno degli obiettivi principali di questi 8 anni di governo di centro sinistra, è rappresentato dalla protezione dell’ambiente. Ne abbiamo fatto un motivo di fondamentale importanza. la premessa su cui basare il resto”.

Lascia un Commento