La sezione del Pd di Melfi esprime massima solidarietà e totale vicinanza ai lavoratori dell’azienda Plastiche Melfi, che si sono svuotare senza alcun preavviso il proprio stabilimento sospendendo di fatto l’attività produttiva. ” un comportamento increscioso ed inqualificabile, che lede sia la professionalità dei lavoratori, che la qualità dell’intera zona industriale di Melfi”. Questo quanto si legge nella nota del Pd di Melfi, che si unisce alle sigle sindacali che chiedono alla FCA di richiamare l’azienda alle proprie responsabilità e ripristinare l’attività produttiva e di riportare il materiale sottratto delocalizzato presso altri stabilimenti nel rispetto delle leggi e dei lavoratori. Per i sindacati, un fulmine a ciel sereno, questa decisione, davvero inattesa. Una situazione paradossale che non può essere tollerata. Dopo che nel mese di agosto, l’azienda era stata interessata da un incendio, aveva continuato la produzione nonodtante le condizioni di precarietà. In queste ultime settimane, stava elaborando un nuovo processo di crescita con nuove commesse. Per questa ragione la decisione di svuotare lo stabilimento, appare davvero ingiustificabile e l’intervento autoritario di FCA, può risultare decisivo, al fine di tutelare i 40 lavoratori che da ieri sono in presidio davanti allo stabilimento.