Che la I.E. S. card fosse un provvedimento importante ed in grado di soddisfare il bisogno urgente ed immediato della comunità, lo si era intuito, ma che il primo giorno con l’apertura del bando, facesse registrare un autentico boom di richieste, onestamente era un po meno prevedibile. Oltre 100 richieste in 24 ore. Non poche considerando che ci sarà tempo fino al 31 maggio per avanzare e formulare la domanda. oltre 300 mila euro messi a disposizione dal comune di Melfi. Unico comune in Basilicata che mette in campo un provvedimento di questa portata. L’obiettivo è quello di stimolare la città, partendo dal contrasto alla povertà, ma non soltanto, cercare di coniugare sollievo per le famiglie in difficoltà ed al tempo stesso favorire la redistribuzione del reddito, fornendo nuovo stimolo al consumo. Dopo il tempestivo intervento dei buoni spesa, che hanno accontentato oltre 350 richieste, il Comune di Melfi con la I.E.S. card, dona la collettività di un altro strumento che consentirà agli usufruitori, di pagare bollette, fitti e spese di scolarizzazione, oltre ai beni di prima necessità. L’amministrazione comunale pensa di riuscire a soddisfare circa 400 – 500 domande, considerando anche che la cifra messa a disposizione per la I.E.S. card è decisamente elevata. I beneficiari potranno contare su un minimo di 600 euro,( persona singola), ad un massimo di 3.000 euro per un nucleo familiare di 5 persone.