A view of the FCA factory in San Nicola di Melfi, near Potenza, southern Italy, 21 May 2020. ANSA/TONY VECE

A partire dalle ore 06:00 di questa mattina, i cancelli della Fca di Melfi hanno riaperto, con il primo
turno, per i circa 7800 suoi dipendenti e con esso l’intero Indotto .
Tante sono le novità che ci porta in dote il nuovo anno appena iniziato, a partire dalla nuova
organizzazione del lavoro, si passa infatti dai 20 turni a 4 squadre ai 15 turni a 3 squadre, dal
lunedi al venerdì ; una svolta non solo organizzativa ma anche di qualità della vita per i lavoratori
lucani, che risponde positivamente a quanto richiesto da tempo dalle organizzazioni sindacali.
Quella odierna è, poi, “una giornata da ricordare” in quanto si concretizzerà la fusione tra FCA e
PEUGEOT in STELLANTIS – fusione che verrà votata dalle assemblee dei due gruppi – sancendo
dunque la nascita del quarto colosso mondiale nella costruzione di automobili con circa 8,7
millioni di auto e con un fatturato di 180 milliardi di euro. Nel nuovo asset Carlos Tavares sarà
l’amministratore delegato mentre John Elkann assumerà la presidenza del nuovo gruppo
“STELLANTIS”.
“E’’ una giornata, questa di oggi, fondamentale per il futuro dell’automobile, dichiara Marco Lomio, segretario regionale Uilm, in Italia e per questo se
da un lato FCA, al netto della pandemia e dei dati drammatici del mercato ha confermato gli
investimenti per l’Italia, dall’altro è indispensabile, anzi fondamentale, formalizzare , cosi come
richiesto dal nostro segretario nazionale Rocco Palombella, gli incontri sindacali per affrontare le
questioni legate alla fusione e avviare contestualmente una discussione di merito sulle
conseguenze dell’integrazione sulle fabbriche dei vari paesi.
STELLANTIS rappresenterà una grande opportunità solo allorchè gli stabilimenti italiani, a partire
da quello di Melfi, potranno recitare il ruolo da protagonista delle nuove strategie globali, e
non solo nelle dinamiche di vendita, ma come realizzatori e costruttori delle future autovetture
Le nuove tecnologie ed i nuovi incentivi presenti nella nuova legge di bilancio , da tempo richiesti
dalle organizzazioni sindacali cosi come dichiarato da G. Ficco ,segretario nazionale della Uilm
responsabile del settore auto, dovranno determinare e accompagnare le trasformazioni in atto in
tutto il settore auto che rappresenta – e nessuno dovrebbe dimenticarlo – un “tassello “
fondamentale per tutta l’economia nazionale .
MELFI con la sua storia da SATA a FCA ha rappresentato e deve continuare a farlo, anche in
STELLANTIS, una realtà concreta in una scacchiera, oggi, sicuramente nuova ma che deve
altresì determinare nuove opportunità di sviluppo per l’intera area industriale di San Nicola di
Melfi”.