Sulla Crisi ex Auchan di Melfi.,Il sindaco Valvano replica all’Assessore Cupparo:
: ” Perché Cupparo pensa alle elezioni a Melfi e non alle 130 famiglie lucane ? ”
“Dalla replica dell’Assessore Cupparo traspare un evidente nervosismo che dobbiamo fare lo sforzo di giustificare con le fibrillazioni politiche che la sua maggioranza gli ha fatto provare nelle scorse settimane. Non può definirsi diversamente il timido tentativo di avanzare critiche sull’amministrazione della Città di Melfi a fronte delle oggettive carenze che mi sono permesso di evidenziare rispetto all’assenza colpevole dell’Assessorato Regionale sulla crisi occupazionale Auchan”. Con queste parole il primo cittadino di Melfi, Livio Valvano precisa di non obiettare dinanzi al fatto ” che l’esponente politico Franco Cupparo giri di nascosto i paesi della Basilicata per fare proselitismo politico elettorale”. “Denuncio, invece, l’immorale ed inopportuna attività dell’Assessore regionale alle Attività Produttive – ha detto Valvano- che nella sua veste istituzionale si muova in silenzio per raccogliere consenso. Forse non lo sa, ma egli è un alto rappresentante istituzionale per tutte le comunità, anche per quelle che non sono guidate dalle giunte di destra; ma se così basso deve essere il livello a cui la politica sta abituando la pubblica opinione chiedo almeno che l’Assessore Regionale, anzichè sfuggire ad una crisi aziendale difficile come quella che riguarda le famiglie dei lavoratori ex Auchan, si rimbocchi le maniche insieme a noi, a fianco dei lavoratori per trovare soluzioni. Perché Cupparo pensa alle elezioni a Melfi e non alle 130 famiglie lucane ? È uno scivolone, una gaffe imperdonabile di un assessorato che così dimostra di aver perso la sua mission. Si ricordi- ha concluso Valvano- che in ballo c’è il futuro di 136 famiglie non le elezioni comunali”