Ci avviciniamo ormai al momento della chiusura delle liste ( domenica sapremo tutti i candidati in competizione), con i partiti ed i raggruppamenti alle prese con la frenetica corsa contro il tempo, nel reclutamento delle persone. Nelle ultime ore intanto è arrivata una notizia importante. Il simbolo del movimento dei cinque stelle a Melfi non appartiene più ad Angela Bisogno e Gino Giorgetti, marito e moglie che gestivano fino a poco fa il movimento. La notizia arriva direttamente da Roma, dove si è presa questa decisione. Il simbolo appartiene a chi in questi anni, ha sempre combattuto il monopolio familiare, cercando di far valere le proprie ragioni. Coordinatore cittadino di fatto Giulio Salvatore che ha allestito la lista con candidato a Sindaco la giovane Alessia Araneo. Sarà lei a guidare i pentastellati federiciani, in questa dura e complicata battaglia elettorale. I cinque stelle cercheranno di misurare la propria forza e le proprie ambizioni, nel contesto di un panorama che vede il leader del Pd Luigi Simonetti in campo per il centro sinistra, e l’ex presidente del Melfi calcio, Peppino Maglione, per liste civiche e centro destra. Una partita non semplice per i cinque stelle, che comunque hanno ottenuto ciò che più desideravano. Il riconoscimento della propria identità, nell’ambito di un movimento che a Melfi secondo loro, era gestito in maniera poco democratica e collegiale. Non per niente il resto dei cinque stelle, ha sempre manifestato insofferenza e distacco rispetto alle scelte fatte in consiglio dalla Bisogno. Sono stati giorni di fuoco per i cinque stelle, anche a livello regionale, con la Liuzzi ad esempio che parteggiava per la Bisogno e Giorgetti, che adesso deve mandare giù il rospo di una decisione che non si aspettava. Nel frattempo si prosegue a lavorare per formare al meglio schieramenti e coalizioni. Nelle prossime ora sapremo che liste appoggeranno i te candidati in lizza, Araneo, Maglione, Simonetti in rigoroso ordine alfabetico.