Il consiglio comunale ha deliberato oggi la ripartizione del contributo regionale per la TARI. Si chiude così una manovra complessa, con cui l’Amministrazione ha scongiurato il rischio di un aumento della tassa per circa un milione di euro, dovuta al distacco di molto aziende industriali (tra cui Stellantis) dal servizio pubblico comunicato già nel 2021 e su cui non erano stati intrapresi provvedimenti dalla precedente Amministrazione. In pochi mesi si è dovuto affrontare il problema per evitare di scaricare il costo su famiglie e piccole imprese. Si è rinegoziato il contratto con il gestore, sono stati eliminati dalla bolletta costi impropri che erano stati caricati in passato, si è avviato un serrato contraddittorio con le imprese industriali che ha consentito di recuperare ulteriori risorse e, da ultimo, è stato ottenuto un contributo regionale. Ad oggi si può dire che l’aumento TARI è stato completamente scongiurato per le famiglie ed è stato ridotto di circa il 95% per le piccole imprese e i professionisti. Un risultato notevole e non scontato, che ha ricevuto il plauso anche di parte dell’opposizione, con il voto favorevole espresso in consiglio dal Movimento Cinque Stelle sull’odierno provvedimento.